Dietro la curva

Sciame di motorini
come api s’arresta
per farmi passare
allungo il passo incerto
sulle zebre d’asfalto
faccio un gesto di saluto
i ragazzini mi sorridono
un sorriso inaspettato
riempie il cuore e mente
s’allontano ronzando
scomparendo dietro la curva…

ScooterApriliaSR50group

Francis Bacon

Mi viene difficile sorridere
la mia bocca segnata
dallo spasmo del dolore
che non mi molla un attimo
ottunde la mente il pensiero
chiodo fisso nelle carni
vetta acuminata e fredda
con i ricordi gioiosi in rissa
trasmuta in amara smorfia
ogni accenno di sorriso
trasforma in incubi i sogni
accentua vertigini e ombre
uno spasmo di Bacone Francesco
scolpito sul mio volto sereno
mentre apro una porta ed esco…

Bacon_Francis

Tracce di parole

A terra finirò i miei giorni
come verme mi contornerò
strisciando sul molle ventre
i gatti m’annuseranno curiosi
della mia rigidità improvvisa
la vita è uno scherzo amaro
ti toglie spesso l’importante
ti da poche soddisfazioni
sempre pagate a caro prezzo
a terra finirò i miei giorni
giorni vissuti intensamente
amando viaggiando scoprendo
tre cose che riempiono il cuore
curiosi i gatti annuseranno
le tracce delle parole d’amore…

gatto-fusa1

Equilibrio d’una filastrocca

Equilibri su una tastiera
delle dita, che mutano i pensieri
in parole scritte, e le parole in versi
i versi, l’uno dopo l’altro ordinati
in poesia, ed essa in spada
spada, leggera come piuma
piuma che trafigge il cuore
cuore generale dell’anima
anima generale del corpo
tutto questo vive nel reale
reale burattinaio dei pensieri.

burattinaio-30169.660x368

I gesti meccanici

I gesti meccanici
che noi compiamo
sono una moltitudine
molti, troppi, per abitudine
altri, solo per mera inerzia
un passo tira l’altro
passi come ciliegie
golose e zuccherose
alle volte, son abitate
dal Giuanin, goloso anch’esso.

Anche noi, abitati da consuetudini
da gesti e parole che van da sole
e noi, per stanchezza quotidiana
molliamo la presa e le redini
è così facile lasciarsi portare
dalla risacca e le onde del mare
svuotare la mente: il presente
il tempo veloce silente vola
giriamo lo sguardo una volta sola

Ciliege

Le parole e note di dolore

Le parole e note di dolore
nascoste nella mente e nel cuore
indicibili poiché dietro la lavagna
come un bimbo discolo: muto non si lagna
dolore nelle note delle canzoni
negli accordi acuti o nelle strofe gravi
risuonano in me: sensibile cassa acustica
amplificando ogni disagio, ogni dolore
le emozioni, qualsiasi lingua siano espresse
smuovono i miei oceani, i miei mari
onde altissime, cupe e nere: maremoti
terremoti, scosse, sismi nelle budella
la musica che amo punge le sinapsi
riannoda i ricordi dispersi nel cervello
parole e note di milioni di colori…

Empty_Wave_1

Poesia ai normodotati

Beati voi, per cui i gesti
sono acqua azzurra e fresca
beati voi, a cui nulla è complesso
è come respirare o bere
provate per un solo istante
a sposare i gesti di chi soffre
di chi deve lottare per ogni gesto
allacciarsi una scarpa, una camicia
coordinare con estrema attenzione
i passi per non cadere a terra
per un sassolino o un sanpietrino
appena più alto o basso degli altri
rinunciare alla spiaggia, al mare
vivere continuamente, un passo indietro
vedere più spalle, che occhi o sorrisi
beati voi, per voi il semplice è regola
per alcuni, è miraggio lontano…

sorriso