Il simulacro

Un oceano di piccoli apparenti
inutili momenti dimenticati
tornano a galla come sfere
affondate di forza nell’abisso
da un fato fragile e debole
piove a scroscio il dolore
della felicità giammai perduta
immagini festose in frantumi.

Pezzi di me con fatica ricostruiti:
in brandelli mi mordeva la vita
faceva a pezzi la mente e le dita
nulla si distrugge tutto si trasforma
nacquero dal travaglio dell’anima
cento e cento versi dolorosi
colti in un’unica preziosa culla
la letizia d’un raccolto fertile
letizia tetro simulacro di felicità…
rom1919g_1

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...